Riposo dalla fuga in Egitto, dipinto di Alfonso Patanazzi (1636-1720) firmato e datato - Antiquares
23189
product-template-default,single,single-product,postid-23189,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Antiquares-Patanazzi-1Antiquares-Patanazzi-2Antiquares-Patanazzi-3Antiquares-Patanazzi-6Antiquares-Patanazzi-10Antiquares-Patanazzi-11Antiquares-Patanazzi-12Antiquares-Patanazzi-13Antiquares-Patanazzi-14Antiquares-Patanazzi-15

Riposo dalla fuga in Egitto, dipinto di Alfonso Patanazzi (1636-1720) firmato e datato

4.500,00

Descrizione

Dipinto ad olio su tavola raffigurante il “riposo dalla fuga in Egitto”.
L’opera è firmata Alfonso Patanazzi e datata 1675.
Attivo nella zona dell’urbinate, Alfonso discende da una famiglia di noti ceramisti, di cui suo nonno, omonimo, fu il capostipite, attivo tra XVI e XVII secolo presso la corte ducale, mentre suo padre, Vincenzo, fu anch’esso pittore e decoratore.
La produzione dell’autore della nostra piccola tavola fu chiaramente influenzata dall’esempio di Federico Barocci e del veronese (ma operante nelle Marche) Claudio Ridolfi.
L’opera è stata studiata e poi pubblicata dalla Dott.ssa Ambrosini Massari su “Qualche novità attorno a Barocci”, pubblicazione seguita alla giornata di studi di Urbino, del 26 ottobre 2012, che ha dato origine al testo “Barocci in bottega” a cura di Bonita Cleri (pagina 179).

Il dipinto misura 14,2 cm per 21 cm ed ha uno spessore di 1,9 cm.