Magnifica Angoliera dipinta e dorata del Settecento - Antiquares
21884
product-template-default,single,single-product,postid-21884,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Antiquares-Angoliera-1Antiquares-Angoliera-2Antiquares-Angoliera-3Antiquares-Angoliera-4Antiquares-Angoliera-5Antiquares-Angoliera-6Antiquares-Angoliera-7Antiquares-Angoliera-8Antiquares-Angoliera-9Antiquares-Angoliera-10Antiquares-Angoliera-11Antiquares-Angoliera-12Antiquares-Angoliera-13Antiquares-Angoliera-14Antiquares-Angoliera-15Antiquares-Angoliera-16Antiquares-Angoliera-17Antiquares-Angoliera-18Antiquares-Angoliera-19Antiquares-Angoliera-20Antiquares-Angoliera-21Antiquares-Angoliera-22

Magnifica Angoliera dipinta e dorata del Settecento

Descrizione

Ci occupiamo raramente di arti decorative e quindi di mobili, e ancor più raramente di quelli laccati (spesso contraffatti).
Quando decidiamo di acquistarli lo facciamo perchè sono veri e propri oggetti d’arte e non solo elementi di arredo.
L’angoliera qui pubblicata rappresenta l’esempio più significativo: proveniente dalle Marche e più precisamente dalla zona di Fermo, dove erano presenti botteghe di ebanisti rinomati, per l’altissima qualità ed il perfetto stato di conservazione è un mobile da catalogare come opera d’arte, arte applicata all’artigianato.
Come spesso accade nella vita, i dettagli fanno la differenza: parti intagliate e riccamente dorate come la cimase ed i capitelli laterali, ripiani della vetrina sagomati e dorati nella parte frontale, vetri autentici, straordinaria ferramenta originale (vedi le foto dei chiavistelli per la chiusura degli sportelli) e tanto altro, che le foto solo in parte riescono a trasmettere.
E’ un oggetto che andrebbe toccato, osservato a lungo, annusato, perchè si respira ancora l’odore del grande passato.
Tutto è perfetto di conservazione, come se il tempo si fosse fermato alla seconda metà del Settecento.
Diverse etichette e numeri di inventario presenti nel mobile ci raccontano la storia di un palazzo, da cui l’angoliera proviene.
Solo così si spiega la qualità e la conservazione impeccabile della pittura: luoghi asciutti e pochissimi spostamenti hanno contribuito a mantenerlo in tale rarissimo stato.

Le dimensioni stesse sono quelle tipiche delle più importanti provenienze: l’angoliera è alta alla cimasa cm 285, mentre è profonda 68 cm  e larga 105 cm.
Non vi capiterà mai più di acquistare un mobile dipinto così emozionante.