Deposizione dalla croce, interessante caravaggesco lombardo dei primi anni del ’600 - Antiquares
11410
product-template-default,single,single-product,postid-11410,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
articolo403-1articolo403-2articolo403-3articolo403-4articolo403-5articolo403-6articolo403-7articolo403-8articolo403-9articolo403-10articolo403-11articolo403-12articolo403-13articolo403-14articolo403-15articolo403-16articolo403-17articolo403-18articolo403-19articolo403-20articolo403-21articolo403-22articolo403-23articolo403-24articolo403-25articolo403-26articolo403-27articolo403-28articolo403-29articolo403-30

Deposizione dalla croce, interessante caravaggesco lombardo dei primi anni del ’600

COD: 403 Categoria:
Descrizione

Prosegue l’aggiornamento continuo della nostra galleria on-line con la pubblicazione di questo interessante olio su tela dei primissimi anni del ’600, ancora da studiare nella sua specifica attribuzione. Balzano subito agl’occhi le forti analogie stilistiche con i caravaggeschi ed in particolar modo con quelli dell’Italia Settentrionale, di area Lombarda. Lo studio più approfondito permette di rintracciare dello stesso dipinto anche una versione eseguita da Jacopo da Bassano, la famosa Deposizione dalla Croce e compianto sul Cristo morto risalente agli ultimi anni del XVI secolo e conservata al Louvre. E’ evidente che la nostra tela sia ispirata a quella famosa opera del Bassano, pur con caratteristiche assolutamente proprie e specifiche. Punto focale della scena ed elemento illuminante di tutta la composizione è la candela posta al centro, una fiamma viva che irradia i personaggi di una luce non troppo calda (al contrario di quella del Bassano) ma che consente di giocare con i chiaroscuri delle vesti e dei volti immergendo il contesto in un’ambientazione notturna. Un uso caraveggesco della luce che ricorda anche le influenze dei fiamminghi, dei francesi e dei tedeschi, un modo per porre in forte risalto l’espressività dei soggetti rappresentati. I volti dei quattro personaggi segnati infatti dalla sofferenza, attraverso la luce sembrano svelare i segreti dell’essere umano, sorpreso nella manifestazione delle sue emozioni più intime. Straordinaria la resa dei dettagli anatomici del corpo del Cristo, la qualità pittorica eccellente mostrata nei colpi di luce presenti nei capelli della Vergine, l’utilizzo delle biacche nei punti focali della composizione in contrasto deciso con lo sfondo assolutamente buio. Il dipinto qui dettagliatamente fotografato presenta un vecchio rintelo ed appare in buone condizioni di conservazione, pur presentando due segni che percorrono in senso verticale la tela, dovuti ad un vecchio taglio riparato al momento della foderatura. L’opera, corredata da una bella cornice in stile a lacca nera ed oro, misura cm 46 x cm 75 nella sola tela. Dipinto di grande impatto visivo oltre che di ottima qualità pittorica, fortunato chi deciderà di acquistarlo.