Gesù Bambino dormiente del '600 - Antiquares
889
product-template-default,single,single-product,postid-889,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
antiquares-amor-sacro-18antiquares-amor-sacro-17antiquares-amor-sacro-16antiquares-amor-sacro-15antiquares-amor-sacro-14antiquares-amor-sacro-13antiquares-amor-sacro-12antiquares-amor-sacro-11antiquares-amor-sacro-10antiquares-amor-sacro-9antiquares-amor-sacro-8antiquares-amor-sacro-7antiquares-amor-sacro-6antiquares-amor-sacro-5antiquares-amor-sacro-4antiquares-amor-sacro-3antiquares-amor-sacro-2antiquares-amor-sacro-1

Gesù Bambino dormiente del ‘600

Descrizione

Il Gesù Bambino dormiente è uno dei soggetti in cui si cimentarono di frequente i maestri, e di conseguenza le botteghe, nel corso del Seicento; evidentemente molto richiesto dalle committenze e spesso contrapposto all’Amorino dormiente, in una sorta di Amor Sacro ed Amor Profano.
La tela qui presentata risulta inedita rispetto alle opere conosciute e pubblicate; molte volte derivate da quelle dei grandi maestri, come Reni a Bologna, o i Piola a Genova.
Un approfondimento dello studio, come sempre affidato ai più esperti, potrebbe consentire di individuarne l’autore, o almeno la zona di provenienza.
Come sempre, preferisco in mancanza di dati certi, limitarmi ad analizzare il dipinto dal punto di vista qualitativo e della conservazione.
A tale proposito, mi preme sottolineare come la stesura pittorica sia quella di un pittore autonomo, dalla pennellata sciolta, e non di uno di quegli onesti “lavoratori” nel cui tratto sottolineato e statico si percepisce la ripetitività delle repliche di bottega.
Alcuni pentimenti (come quello sul labbro), evidentemente scoperti in passato e giustamente lasciati a vista, del resto confermano l’indipendenza dell’autore ed il trasferimento nella tela della sua idea.
Il dipinto, rintelato, è del resto ancora abbastanza sporco.
Una pulitura potrebbe evidenziare la qualità della pittura, ora un pò offuscata da qualche macchia ed accumulo di sporcizia.
Gli incarnati appaiono al momento meno “smaltati” di quanto in realtà potrebbero divenire, aiutando anche nell’individuazione dell’autore.
La qualità elevata dei panneggi, da quelli delle lenzuola a quello del velo che copre l’intimità del piccolo Gesù, denota del resto una certa capacità; un’abilità probabilmente da approfondire, per effettuare una buona scoperta artistica e di conseguenza collezionistica.
Il dipinto misura 84 cm per 63 cm mentre con la cornice le misure sono di 107 cm per 85 cm.