Lavanda dei piedi, affascinante bassorilievo in alabastro lumeggiato in oro del ‘500 - Antiquares
869
product-template-default,single,single-product,postid-869,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Sconto
antiquares-lavanda-dei-piedi-1antiquares-lavanda-dei-piedi-2antiquares-lavanda-dei-piedi-3antiquares-lavanda-dei-piedi-4antiquares-lavanda-dei-piedi-5antiquares-lavanda-dei-piedi-6antiquares-lavanda-dei-piedi-7antiquares-lavanda-dei-piedi-8antiquares-lavanda-dei-piedi-9antiquares-lavanda-dei-piedi-10antiquares-lavanda-dei-piedi-11

Lavanda dei piedi, affascinante bassorilievo in alabastro lumeggiato in oro del ‘500

2.800,00 1.800,00

Descrizione

Il piccolo e prezioso bassorilievo è realizzato in alabastro: una varietà di calcare apprezzata dagli scultori sin dall’antichità per le sue qualità e la sua bellezza; materiale adatto alla creazione di opere particolarmente minuziose e precise anche nei più piccoli dettagli.
Non escludendo nulla circa l’origine di questa scultura, crediamo sia plausibile che essa provenga dalla nota manifattura di Malines (o Mechelen); città nei pressi di Anversa dove fiorirono nel ‘500 botteghe specializzata nella creazione proprio di bassorilievi, intagliati in alabastro.
Rispetto ai prototipi che troviamo talvolta nel mercato antiquario o nelle aste specializzate, sicuramente questo risulta particolarmente qualitativo nell’esecuzione e caratterizzato da un materiale ancora più candido, quasi trasparente, più simile al marmo che alla pietra.
La scena raffigurata è “la lavanda dei piedi”, episodio narrato solamente dal Vangelo di Giovanni ed avvenuto durante l’ultima cena.
Gesù dimostrò con quel gesto, quanto l’umiltà fosse dote necessaria ad entrare nel Regno dei cieli; stupendo ancora gli Apostoli che discutevano animatamente per il posto assegnato a tavola.
Il piccolo rilievo è arricchito da parti lumeggiate in oro, tecnica abbastanza indicativa del grado di importanza della committenza privata a cui era destinato.
Sottolineo come siano presenti alcune piccole rotture, ampiamente documentate dalle immagini allegate alla pubblicazione: nella parte alta, a sinstra guardando la scultura, in prossimità della barba di uno degli Apostoli e della veste di un altro.
Nel complesso tuttavia le condizioni di conservazione sono da considerarsi buone, trattandosi di un’opera del Cinquecento realizzata in materiale così tenero.
La preziosa scultura misura 10 cm per 12 cm mentre la cornice, antica anche se non coeva e realizzata in noce, esternamente è di 21,5 cm per 24 cm.