Marta e la conversione di Maddalena, un'inedita tela del Seicento - Antiquares
22717
product-template-default,single,single-product,postid-22717,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Antiquares-Marta-e-Maddalena-1Antiquares-Marta-e-Maddalena-2Antiquares-Marta-e-Maddalena-3Antiquares-Marta-e-Maddalena-7Antiquares-Marta-e-Maddalena-8Antiquares-Marta-e-Maddalena-9Antiquares-Marta-e-Maddalena-10Antiquares-Marta-e-Maddalena-12Antiquares-Marta-e-Maddalena-14Antiquares-Marta-e-Maddalena-16Antiquares-Marta-e-Maddalena-17Antiquares-Marta-e-Maddalena-20Antiquares-Marta-e-Maddalena-21Antiquares-Marta-e-Maddalena-22Antiquares-Marta-e-Maddalena-23

Marta e la conversione di Maddalena, un’inedita tela del Seicento

12.000,00

Descrizione

L’inedita tela qui pubblicata raffigura un soggetto assai raro e particolarmente interessante: è colto infatti l’attimo in cui avviene la conversione di Maria Maddalena.
Marta, raffigurata con il volto coperto da un velo ed oscurato dall’ombra, ha appena argomentato le proprie tesi, convincendo la sorella ad abbandonare la sua vita di peccato, per sposare la fede in Cristo.
Maddalena, dai lunghi e folti capelli biondi, indossa un abito elegante, le cui voluminose maniche non possono che far riferimento alla vanità terrena, ormai abbandonata, come dimostrato dalle mani giunte e dallo sguardo rivolto al cielo.
Il dipinto, ancora in prima tela (con telaio sostituito), conserva la sua materia intatta, crediamo mai pulita da secoli.
Lo strato spesso e tendente al giallo che ne oscura colori e superficie è destinato a celare, come in un regalo del tempo, una sorpresa anelata da ogni vero collezionista di pittura antica.
L’esplodere di colori, i contrasti, le sfumature ed i giochi materici delle pennellate sapienti del maestro consentiranno alla tela di recuperare la sua qualità, ora oscurata, seppur visibile all’occhio esperto.
Parlare di attribuzioni è sempre complesso, specie quando si esamina una tela “sporca” ed appunto offuscata da secoli di fumi e candele, tuttavia resta l’idea, inizialmente percepita come un’illuminazione e poi abbandonata per colpa della ragione e del conseguente ragionare, che si tratti di un pittore di cultura napoletana; ipotizzerei, ripeto sottolineando che è solo un’ipotesi, Andrea Vaccaro, come autore di tale meraviglia.
Il fortunato acquirente avrà l’onore di pulirla, di studiarla e di argomentare una sua conclusione.

Il dipinto misura 94 cm per 110 cm