Vanitas su rame, ambito di Gaspare Lopez (Napoli 1677 - Firenze 1740) - Antiquares
22451
product-template-default,single,single-product,postid-22451,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Antiquares-Memento-Mori-1Antiquares-Memento-Mori-2Antiquares-Memento-Mori-3Antiquares-Memento-Mori-4Antiquares-Memento-Mori-5Antiquares-Memento-Mori-6Antiquares-Memento-Mori-7Antiquares-Memento-Mori-8Antiquares-Memento-Mori-9Antiquares-Memento-Mori-10Antiquares-Memento-Mori-11Antiquares-Memento-Mori-12

Vanitas su rame, ambito di Gaspare Lopez (Napoli 1677 – Firenze 1740)

3.800,00

Descrizione

Raro dipinto ad olio su rame realizzato tra la fine del Seicento ed i primi anni del Settecento, di scuola napoletana.
Il riferimento più vicino, per affinità pittoriche e di composizione, appare senza dubbio Gaspare Lopez (Napoli 1677- Firenze 1740); pittore noto sopratutto per nature morte, in cui vasi di fiori, come quello in alto a sinistra del nostro, sono inseriti in scorci e paesaggi, tra giardini e cipressi.
Il soggetto di questo piccolo rame è senza dubbio una Vanitas, simbolo della caducità della vita terrena.
Ogni elemento è tipico di questo tema: il teschio, la candela spenta e lo spartito musicale abbandonato sul piano di appoggio, ormai silente, sono chiari riferimenti alla morte; la clessidra simboleggia il tempo che scorre inesorabile, mentre le bolle di sapone la transitorietà dei beni terreni.
Il vaso di fiori, cui abbiamo fatto riferimento poco fa, presenta un fiore spezzato, una rosa ormai appassita, il destino della vita sarà lo stesso.
Il contesto in cui sono inserite tutti questi elementi e riferimenti poco lieti, solitamente scuro e tetro, è qui però vivace e colorato, un auspicio o forse un simbolo dell’eternità.
La cornice, in stile Salvator Rosa, è recente.
Il supporto di rame non è qui fotografato, per la presenza della fodera posteriore.

Il dipinto misura 11 cm per 15 cm, mentre la cornice 17 cm per 21 cm.