San Pietro in preghiera, scuola bolognese del ’600 - Antiquares
10584
product-template-default,single,single-product,postid-10584,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
articolo1-24articolo1-3articolo1-10articolo1-4articolo1-6articolo1-5articolo1-7articolo1-11articolo1-12articolo1-14articolo1-13articolo1-21articolo1-8articolo1-9articolo1-17articolo1-copertinaarticolo1-19articolo1-16articolo1-2articolo1-20articolo1-15articolo1-18articolo1-23articolo1-22

San Pietro in preghiera, scuola bolognese del ’600

Categoria:
Descrizione

Non smettiamo mai di aggiornare il nostro sito che anche oggi accoglie uno splendido dipinto ad olio che riproduce una tipica raffigurazione di San Pietro in preghiera della prima metà del XVII secolo. Lo stile e l’epoca ci permettono di individuare anche la Scuola di appartenenza che è senza dubbio quella bolognese di stampo reniano. L’ignoto autore di quest’opera sicuramente faceva capo alla bottega del Maestro nella quale lavoravano circa trecento pittori e dalla quale uscirono personalità importantissime della pittura italiana. Il confronto può essere diretto osservando altre opere di autori censiti e conosciuti della cerchia di Guido Reni nelle quali ritroviamo elementi simili o pressoché identici, nella posa dei personaggi, nell’impostazione della figura e negli occhi che guardano al cielo in segno di adorazione (nei dipinti di soggetto sacro), nell’uso della luce e del colore e nella stesura di effetti evidenziati di chiaroscuro. L’anatomia del corpo è piuttosto realista, il soggetto rappresentato si mostra in tensione e con lui tutti i muscoli del collo, delle braccia e delle mani, mentre il viso sembra essere separato dal resto del corpo, la bocca socchiusa, i denti che non si toccano, gli occhi profondamente rilassati.
Dinanzi a noi il segno tradizionale iconografico del Santo, le chiavi, che sembrano essere posizionate in bilico quasi per coinvolgere lo spettatore nell’eventualità di una loro caduta. Il dipinto, in ottime condizioni di conservazione è stato solo pulito, il telaio è originale e presenta micro craquelè diffuso per tutta la superficie pittorica. La misura della tela è di cm 82,5 x cm 66,5. Si tratta di opera di alto valore, di cui garantiamo, come sempre, epoca, provenienza e condizione per quanto descritte in questo articolo.