Scena di genere attribuita a Sebastiano Mazzoni (Firenze, 1611 – Venezia, 22 aprile 1678) - Antiquares
21837
product-template-default,single,single-product,postid-21837,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Antiquares-Scena-di-genere-1cAntiquares-Scena di genere-2aAntiquares-Scena di genere-3Antiquares-Scena di genere-4Antiquares-Scena di genere-5Antiquares-Scena di genere-6Antiquares-Scena di genere-7Antiquares-Scena di genere-8Antiquares-Scena di genere-9Antiquares-Scena di genere-10Antiquares-Scena di genere-11Antiquares-Scena di genere-12Antiquares-Scena di genere-13Antiquares-Scena di genere-14Antiquares-Scena di genere-15Antiquares-Scena di genere-16

Scena di genere attribuita a Sebastiano Mazzoni (Firenze, 1611 – Venezia, 22 aprile 1678)

12.500,00

Descrizione

Insolito ed affascinante dipinto ad olio su tela attribuito a Sebastiano Mazzoni (Firenze, 1611-Venezia 1678).
Questa scena di genere è caratterizzata da un’ambientazione scura, quasi tenebrosa, dalla quale prendono forma figure dalle forme tondeggianti, in posizioni oblique, ferme ma come in movimento, realizzate con una stesura sottile di colore, a strati, tecnica tipica di questo artista, per secoli ignorato dalla critica e da poco riscoperto e rivalutato.
Mazzoni è stato capace di unire, collegandoli, due ambienti così distanti: la cultura fiorentina caricata e giocosa appresa in gioventù da Giovanni da San Giovanni, Baccio del Bianco e Francesco Furini, con le influenze di Strozzi, Veronese, di Pietro Ricchi e del suo concittadino Cecco Bravo, che ebbe modo di conoscere e frequentare nei quarant’anni trascorsi a Venezia, tra il quarto e l’ottavo decennio del Seicento.
La sua visione pessimistica trova espressione nell’impiego di figure quasi grottesche, in alcuni casi, come in questo inedito dipinto, rappresentate a lume di notte.

Opera ancora da pulire, in ottimo stato di conservazione.
La tela misura 53 cm per 111 cm, mentre comprensive di cornice (antica) le misure sono di 68 cm per 125 cm.