Tavola veneta del Cinquecento, ambito di Girolamo da Santacroce (Santa Croce, 1490 circa – Venezia, 9 luglio 1556) - Antiquares
22314
product-template-default,single,single-product,postid-22314,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Sconto
Antiquares-Tavola-1Antiquares-Tavola-2Antiquares-Tavola-3Antiquares-Tavola-4Antiquares-Tavola-5Antiquares-Tavola-8Antiquares-Tavola-12Antiquares-Tavola-13Antiquares-Tavola-14Antiquares-Tavola-15Antiquares-Tavola-16Antiquares-Tavola-17Antiquares-Tavola-18Antiquares-Tavola-19fAntiquares-Tavola-19Antiquares-Tavola-19cAntiquares-Tavola-19gAntiquares-Tavola-20Antiquares-Tavola-21Antiquares-Tavola-22Antiquares-Tavola-23

Tavola veneta del Cinquecento, ambito di Girolamo da Santacroce (Santa Croce, 1490 circa – Venezia, 9 luglio 1556)

12.000,00 9.000,00

Descrizione

Dipinto su tavola della prima metà del Cinquecento, ascrivibile all’ambito pittorico di Girolamo da Santacroce (1490-1556).
Pupillo di Giovanni Bellini, Santacroce lavorò principalmente a Venezia, realizzando con personalità opere e composizioni già care al più illustre maestro.
Suoi dipinti sono conservati nei musei di tutto il mondo.
La nostra tavola, di buonissima qualità pittorica, è ancora da pulire ed eventualmente da restaurare.
La presenza di particolari molto ben realizzati nelle zone meglio conservate, alternati ad alcuni in cui sono visibili ritocchi maldestri, induce a pensare che il dipinto possa migliorare notevalmente in seguito all’ intervento di un professionista.
Da notare, a questo proposito, il profilo maschile paragonato al volto della Vergine, in cui sono evidenti vecchi restauri.
La cornice, di vecchia manifattura, è stata realizzata in stile nei primi anni del Novecento.

Il supporto misura 65 cm per 44 cm, mentre la cornice 81 cm per 60 cm.