Credenze Antiche - Antiquares
503
page-template-default,page,page-id-503,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

Credenze Antiche

Antiquares  effettua valutazioni di mobili antichi, tra cui le credenze antiche.
Siamo membri dell’AAI, Associazione Antiquari Italiani, operando con passione e serietà nel settore da più di quindici anni.
Non esitate a richiedere un nostro primo parere, compilando l’apposito modulo.

Se desiderate avere una valutazione delle vostre credenze antiche potete contattarci anche al n.340/8110226, o mandarci una mail all’indirizzo: antiquares@gmail.com

Credenze Antiche
(Origini – Storia – Caratteristiche)

La parola credenza deriva dal latino e significa “dare fiducia” .
Si utilizzò a partire dal Seicento,  quando il Mastro Credenziere (nominato appositamente dalla Famiglia presso cui prestava servizio) disponeva i cibi sopra un determinato mobile e aveva il compito di assaggiarli, per scongiurare eventuali avvelenamenti dei commensali. Questo rituale era indicato come servizi di credenza. Successivamente questo termine venne usato per la stanza del pasto, e poi per designare il mobile in cui venivano riposte stoviglie e cibo.
In Francia le prime rudimentali credenze ebbero il nome di Dressoir. Solo nel 1500 assunsero il nome di Buffet (da Pierre Buffet cuoco di Francesco I), passando successivamente alla definizione di Commode nel XVII secolo.
Storicamente, le prime credenze di cui si ha notizia vennero create in epoca romana e servivano essenzialmente a riporre gli utensili da cucina. Erano dei modelli aperti, molto semplici, in legno greggio, spesso ricoperti da stoffe.

Durante il XV secolo, in Francia, cominciano a delinearsi dei piccoli cambiamenti, quali la creazione di un sottopiede e di un gradino.
Le credenze erano realizzate principalmente in noce e servivano principalmente a contenere le varie stoviglie.
Nel XVII secolo, cominciano a comparire altri elementi innovativi: primi tra tutti la presenza di due ripiani sovrapposti e la comparsa degli sportelli. La struttura è sempre in noce, ma verso la fine del secolo si cominciano ad utilizzare anche legni da frutta ed a inserire decorazioni.
Come accennato precedentemente, in Francia nasce il Buffet, che era sostanzialmente di tre tipologie e quindi funzionalità: Buffet da mostra, esposto al centro dalla sala in cui venivano mostrate le stoviglie più pregiate,  Buffet da bottigliere, con l’esposizione dei servizi pregiati per le bevande, ed infine il Buffet di servizio in cui venivano disposte le stoviglie e le portate di cibi freddi.
Una credenza barocca si distingueva per la lunghezza e l’ampiezza dei ripiani, ma è solo col comparire dello stile Rococò, che assurgono al massimo splendore: ornate di dipinti, laccate, decorate con motivi floreali o cineserie. Il legno di noce viene allora sostituito dal mogano.
Dopo un periodo in cui la credenza cade nel dimenticatoio, ritorna in auge con lo stile Impero, nel XIX secolo: vengono utilizzati legni esotici e cominciano a comparire le prime vetrine.