Orologi Antichi da Tavolo - Antiquares
1847
page-template-default,page,page-id-1847,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

Orologi Antichi da Tavolo

I primi orologi antichi da tavolo fecero la loro comparsa tra il ‘400 ed il ‘500. Per quel che riguarda la nazione di provenienza si parla di Svizzera, Inghilterra ma soprattutto Germania e in special modo in Sassonia. Negli anni successivi cominciano a comparire tracce di piccoli orologi anche in Italia nel 1506 per merito dell’artigiano Guidi; mentre a Norimberga si costruiscono i primi veri e propri orologi da tavolo per merito di Peter Henlein.

Gli orologi da tavolo venivano realizzati con svariati materiali dall’oro all’argento fino a passare al bronzo e all’ottone ed erano decorati e laccati con intarsi e fregi. Si distinguevano a seconda del quadrante che poteva essere rettangolare o cilindrico. Nel ‘500 i più diffusi erano quelli in bronzo o ottone con coperchi traforati che proteggevano il quadrante.
Tra i maggiori costruttori di orologi da tavolo segnaliamo: in Germania Johannes Beitelrock, in Francia Jean-André Lepaute e Abraham-Louis Breguet, in Italia Bartolomeo Antonio Bertolla. Senza dimenticare il già citato Peter Henlein che inventò gli “orologi a uovo di Norimberga”.
Per la valutazione è importante il tipo di materiale, l’epoca e in taluni casi la presenza della firma in quanto molti antichi orologiai apponevano la stessa sul quadrante.