Paraventi Giapponesi - Antiquares
1832
page-template-default,page,page-id-1832,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

Paraventi Giapponesi

Antiquares si offre di valutare, acquistare, vendere oggetti di antiquariato giapponese e mobili.

Di seguito brevi accenni sui paraventi giapponesi.
Il paravento è un complemento di arredo molto utilizzato nelle dimore giapponesi. La sua funzione era di limitare le correnti e delimitare gli spazi.
Il primo paravento nacque in Cina durante la dinastia Han e venne esportato in Giappone a partire dall’VIII secolo. Gli artigiani cominciarono a specializzarsi e nacque il Byobu (proiezione dal vento): erano due pannelli decorati con pitture e successivamente con stoffe.
Come anticipato, i primi paraventi compaiono nel 710.
All’inizio essi erano costituiti da un singolo pannello (Tsuitate), poi una volta entrati a far parte della corte imperiali i pannelli aumentarono fino a sei (Rokkyoku Byōbu).
I paraventi erano coperti di seta e tenuti insieme tramite lacci di pelle o corde di seta, con una cornice di legno.
Durante il periodo Heian (794-1185), il paravento diviene l’arredo principale e i lacci vengono sostituiti da cerniere di metallo (zenigata).
Le strutture risultano così più scomode e pesanti.
Durante il periodo Muromachi (1336-1573) le cerniere vennero quindi sostituite da fogli di carta permettendo alle strutture di essere di nuovo più leggere e trasportabili. I pannelli diminuirono, tornando ad essere due.
Vennero infine utilizzati legni leggeri a questo scopo.

Nel periodo Azuchi – Momoyama (1568-1603) comparve la tecnica dell’inchiostro bianco e nero, divennero simbolo di agiatezza e le decorazioni erano scene di vita quotidiana.
Nel periodo Edo (1603-1868) si svilupparono paraventi a quattro pannelli (Yonkyoku Byōbu )molto usati nelle sale da tè.
La distinzione dei vari paraventi non avveniva solamente in base al numero di pannelli o alla loro epoca ma anche in base alla loro funzionalità: il Furosaky Byōbu era usato per la protezione dal fuoco, il Makura Byōbu era tipico della camera da letto, il Ga na Byōbu era un paravento adornato di uccelli e fiori.