San Cristoforo - Antiquares
12263
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-12263,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

San Cristoforo

Antiquares si offre di valutare dipinti raffiguranti
San Cristoforo

Potete richiedere il nostro parere, per una stima del valore di un'opera, con questo soggetto, che avete in collezione, o che avete ricevuto in eredità. Siamo disponibili ad acquistare quadri raffiguranti San Cristoforo dopo una prima visione in foto ed un successivo approfondimento dal vivo. Potete utilizzare i moduli di contatto o i form di valutazione, per una prima stima gratuita e non vincolante. Riceverete una prima indicazione sul valore reale del vostro quadro.

Category
C, Iconografia
About

La leggenda ci parla di un cananeo, zona compresa tra Libano ed Israele, con le fattezze da gigante. Viveva da solo in un bosco, di cui era padrone e aveva le sembianze di un uomo burbero.  Dapprima al servizio di un re, poi di un imperatore, si convertì al Cristianesimo quando apprese dal demonio che Cristo era il signore più potente. Per prepararsi al Battesimo esercitò la Carità, aiutando i viaggiatori a passare da una parte all’altra del fiume. Una notte si presentò un fanciullo che lo pregò di traghettarlo; Reprobus (secondo alcune fonti era il suo nome prima del battesimo), anche se grande e robusto, si sarebbe piegato sotto il peso di quell’esile creatura, che ad ogni passo sembrava aumentare di peso. Secondo alcune narrazioni sarebbe cresciuta anche la corrente del fiume, che si faceva più vorticosa. Il gigante sembrava essere sopraffatto, ma alla fine, stremato, aiutandosi con un grosso e lungo bastone, riuscì a portare il fanciullo sull’altra sponda del fiume. All’incredulo traghettatore il bambino avrebbe rivelato di essere il Cristo, confessandogli inoltre che aveva portato sulle sue spalle non solo il peso del suo esile corpicino, ma il peso del mondo intero. Dopo aver ricevuto il battesimo, Cristoforo si recò in Licia a predicare e qui subì il martirio come gli era stato professato dal fanciullo. Proprio in virtù di questi racconti che viene raffigurato come un gigante con un bastone che reca sulla spalle Gesù nell’atto di attraversare un fiume. In alcune e affreschi bizantini viene raffigurato con le sembianze di un cinocefalo. San Cristoforo in occidente si venera il 25 luglio.