San Domenico di Guzman - Antiquares
12030
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-12030,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

San Domenico di Guzman

Antiquares si offre di valutare dipinti raffiguranti
San Domenico di Guzman

Potete richiedere il nostro parere, per una stima del valore di un'opera, con questo soggetto, che avete in collezione, o che avete ricevuto in eredità. Siamo disponibili ad acquistare quadri raffiguranti San Domenico di Guzman dopo una prima visione in foto ed un successivo approfondimento dal vivo. Potete utilizzare i moduli di contatto o i form di valutazione, per una prima stima gratuita e non vincolante. Riceverete una prima indicazione sul valore reale del vostro quadro.

Category
D, Iconografia
About

Domenico nacque nel 1170 a Caleruega, un villaggio montano della Vecchia Castiglia (Spagna), da Felice di Gusmán e da Giovanna d’Aza. Alla nascita, venne battezzato con il nome del santo patrono dell’abbazia benedettina di Santo Domingo de Silos, situata a pochi chilometri a nord del suo paese natale. A 15 anni passò a Palencia, per frequentare i corsi regolari (arti liberali e teologia). Qui viene a contatto con le miserie causate dalle continue guerre e dalla carestia. Terminati gli studi, a 24 anni, entra tra i “canonici regolari” della cattedrale di Osma, dove viene consacrato sacerdote. Successivamente segue il Vescovo di Osma in una missione in Europa. Il contatto con le popolazioni dell Francia meridionale, in mano agli eretici, lo conducono a divenire missionario. Il Papa Innocenzo III gli conferisce l’incarico di predicatore nel Sud della Francia. Sulla base delle regole Agostiniane fonda l’Ordine dei Padri Predicatori, basandosi su principi quali la predicazione itinerante, la mendicità, vita monastica ed uno studio approfondito. Muore a Bologna nel 1221. Viene solitamente raffigurato come un giovane senza barba, in abito bianco con mantello nero. Porta con se un giglio bianco, un libro, talvolta una stella vicino l’aureola.