San Giorgio - Antiquares
12359
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-12359,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

San Giorgio

Antiquares si offre di valutare dipinti raffiguranti
San Giorgio

Potete richiedere il nostro parere, per una stima del valore di un'opera, con questo soggetto, che avete in collezione, o che avete ricevuto in eredità. Siamo disponibili ad acquistare quadri raffiguranti San Giorgio dopo una prima visione in foto ed un successivo approfondimento dal vivo. Potete utilizzare i moduli di contatto o i form di valutazione, per una prima stima gratuita e non vincolante. Riceverete una prima indicazione sul valore reale del vostro quadro.

Category
G, Iconografia
About

Martire e cavaliere. Era originario della Cappadocia, figlio di Geronzio (persiano) e Policromia (cappadoce), nato nel 280. Venne educato alla religione cristiana e si arruolò sotto Diocleziano, combattendo strenuamente e divenendo guardia del corpo dello stesso Imperatore e poi ufficiale delle milizie. Il martirio avvenne sotto Diocleziano, che convocò 72 re, per decidere come perseguiire i cristiani. Dopo aver donato tutto ai poveri, confessò la sua fede cristiana; venne lacerato e gettato in carcere. Dio gli apparve qui, comucandogli sette anni di tormenti con tre morti e tre resurrezioni. Venne tagliato in due da una ruota piena di chiodi e spade, resuscitò, operando la conversione del Generale Anatolio e della sua truppa. Convertì anche la principessa Alessandra, che venne martirizzata. Diocleziano lo condannò nuovamente a morte, prima di essere decapitato, implorò Dio di far incenerire l’imperatore ed i settantadue re. E’ solitamente raffigurato armato, sopra un cavallo bianco, mentre combatte contro un drago, intento a divorare una principessa (come narra la leggenda aurea). E’ il simbolo della lotta tra bene e male , tra Dio e Satana.