San Girolamo - Antiquares
12402
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-12402,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

San Girolamo

Antiquares si offre di valutare dipinti raffiguranti
San Girolamo

Potete richiedere il nostro parere, per una stima del valore di un'opera, con questo soggetto, che avete in collezione, o che avete ricevuto in eredità. Siamo disponibili ad acquistare quadri raffiguranti San Girolamo dopo una prima visione in foto ed un successivo approfondimento dal vivo. Potete utilizzare i moduli di contatto o i form di valutazione, per una prima stima gratuita e non vincolante. Riceverete una prima indicazione sul valore reale del vostro quadro.

Category
G, Iconografia
About

Padre e Dottore della Chiesa, tradusse in latino l’Antico Testamento greco. Nato a Stridone, in Illiria, compì i suoi studi a Roma, compresi quelli di retorica, prima di trasferirsi  a Treviri. Successivamente visse a Quileia, dove si riunì assieme ad un gruppo di Asceti, sotto l’Arcivescovo Valeriano. Non soddisfatto, ripartì per l’Oriente; si stabilì nel deserto della Calcide, tra il 375 ed il 376, conducendo qui, una vita da anacoreta. E’ a questo periodo che risalgono le raffigurazioni di lui penitente nel deserto e l’episodio del leone, a cui lui tolse la spina dalla zampa. Divenne poi presbitero, a Costantinopoli, dove perfezionò lo studio del greco. Tornato a Roma, divenne segretario di Papa Damaso I. Qui si creò un gruppo di donne e vedove dedite alla preghiera, alla meditazione ed all’astinenza, che avevano in Girolamo il loro Padre Spirituale. Alla morte del Papa, la Curia Romana contrastò ferocemente la sua elezione, da molti sperata.  Si ritirò perciò in Oriente, fino alla sua morte, nell’anno 420. Viene raffigurato come un vecchio, intento a scrivere nello studio, oppure in meditazione nel deserto, nell’atto di percuotersi con una pietra; davanti a lui troviamo nelle raffigurazioni un teschio, un Crocifisso o un cappello cardinalizio. Talvolta è accompagnato da un leone. In alcune raffigurazioni è possibile trovarlo anche insieme ai Dottori della Chiesa.