San Gregorio - Antiquares
12451
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-12451,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

San Gregorio

Antiquares si offre di valutare dipinti raffiguranti
San Gregorio

Potete richiedere il nostro parere, per una stima del valore di un'opera, con questo soggetto, che avete in collezione, o che avete ricevuto in eredità. Siamo disponibili ad acquistare quadri raffiguranti San Gregorio dopo una prima visione in foto ed un successivo approfondimento dal vivo. Potete utilizzare i moduli di contatto o i form di valutazione, per una prima stima gratuita e non vincolante. Riceverete una prima indicazione sul valore reale del vostro quadro.

Category
G, Iconografia
About

Dottore della Chiesa, figlio di Gordiano e Silvia (divenuta poi Santa), nacque nel 540. Dopo aver compiuto gli studi, divenne Prefetto della Città di Roma, nell’anno 573. Ammiratore e biografo di Benedetto da Norcia, sentì il bisogno ben presto di aiutare i poveri, trasformò i suoi possedimenti sparsi per l’Italia in monasteri. Rinunciò alla sua carica pubblica, per divenire monaco. Il Papa Pelagio II lo inviò a Costantinopoli (ove vi rimase sei anni), a chiedere aiuti contro i Longobardi. Tornò a Roma ma, tra il 589 ed il 590, ci fu un epidemia di peste e terribili inondazioni. Gregorio si mise alla testa di una processione per Santa Maria maggiore, ma, varcato l’attuale Ponte Sant’Angelo, comparve l’Arcangelo Michele nell’atto di rinfoderare la spada, segno della imminente fine della peste e delle inondazioni. Da allora, la Mole Adriana venne rinominata Castel Sant’Angelo, fu eretta allora una statua dell’Arcangelo Michele, nell’atto di rinfoderare la spada. Nel 590 arrivò la sua elezione a Pontefice; sebbene cagionevole di salute, intraprese un opera di moralizzazione ed epurazione della Curia, sostituendo alcuni personaggi con monaci benedettini. Utilizzò inoltre propri beni e quelli derivanti dalle donazioni a favore del popolo romano. Fu autore e legislatore nel campo del canto sacro e della liturgia, elaborando un Sacramentario che è alla base del Messale Romano. Lasciò numerosi scritti di carattere morale, pastorale e spirituale, che furono la base di formazione di generazioni cristiane, durante il Medio Evo. Morì nell’anno 604. Viene raffigurato su di un trono, come pontefice o in abiti camaldolesi, con la tiara.