San Martino - Antiquares
12514
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-12514,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

San Martino

Antiquares si offre di valutare dipinti raffiguranti
San Martino

Potete richiedere il nostro parere, per una stima del valore di un'opera, con questo soggetto, che avete in collezione, o che avete ricevuto in eredità. Siamo disponibili ad acquistare quadri raffiguranti San Martino dopo una prima visione in foto ed un successivo approfondimento dal vivo. Potete utilizzare i moduli di contatto o i form di valutazione, per una prima stima gratuita e non vincolante. Riceverete una prima indicazione sul valore reale del vostro quadro.

Category
Iconografia, M
About

Nasce a Sabaria Sicca (attuale Ungheria), al confine con la Pannonia, da genitori pagani nel 316-317. Suo padre, tribuno militare, lo chiama Martino in onore di Marte. Si trasferì a Pavia in un podere concesso al padre, ormai veterano. Nel 331 venne arruolato quale figlio di veterani, in seguito ad un editto dell’Imperatore e venne inviato ad Amiens, in Francia. Trascorse  parte della sua vita a sostegno di forze non combattenti, che garantivano l’ordine pubblico, la protezione della posta imperiale, il trasferimento dei prigionieri. Durante una delle ronde notturne, avvenne l’episodio che lo convertì. Incontrò un mendicante e per coprirlo dal freddo, si tagliò metà del mantello. La notte dopo, gli comparve Gesù, con la parte del suo mantello tagliata. Martino si svegliò , miracolosamente il suo mantello era rimasto integro. La Pasqua seguente, decise allora di battezzarsi e di lasciare l’esercito. Martino cominciò la sua battaglia contro l’eresia ariana; cacciato, si rifugiò prima vicino Albenga, e poi a Poitiers (una volta rientrato il vescovo cattolico), ove fondò uno dei primi monasteri d’occidente. Nel 371 venne eletto Vescovo di Tours, e continuò la sua lotta contro l’eresia ariana. Predicò, abbattè simboli pagani, battezzò villaggi interi. Prestò una grande attenzione all’evangelizzazione rurale. Viene raffigurato spesso a cavallo, mentre dona metà del suo mantello a un mendicante. Viene anche raffigurato durante l’apparizione di Gesù, con metà del suo mantello.