San Nicola da Tolentino - Antiquares
12758
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-12758,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

San Nicola da Tolentino

Antiquares si offre di valutare dipinti raffiguranti
San Nicola da Tolentino

Potete richiedere il nostro parere, per una stima del valore di un'opera, con questo soggetto, che avete in collezione, o che avete ricevuto in eredità. Siamo disponibili ad acquistare quadri raffiguranti San Nicola da Tolentino dopo una prima visione in foto ed un successivo approfondimento dal vivo. Potete utilizzare i moduli di contatto o i form di valutazione, per una prima stima gratuita e non vincolante. Riceverete una prima indicazione sul valore reale del vostro quadro.

Category
Iconografia, N
About

Nacque nel 1245 a Sant’Angelo in Pontano (Macerata). I suoi genitori erano Compagnone de Guarutti e Amata de Guidiani (probabilmente i cognomi indicavano le località). Era una famiglia di cristiani. Da giovane entro nell’Ordine degli Eremitani di Sant’Agostino e divenne canonico della Chiesa di San Salvatore; già prima della sua ordinazione, era stato mandato in diversi monasteri della zona. Fece i voti solenni a meno di 19 anni, nel 1269 venne ordinato Sacerdote. Nel 1275 venne trasferito a Tolentino, rimase nel Convento di Sant’0Agostino fino alla sua morte avvenuta nell’anno 1305. Di lui si ricorda soprattutto la mitezza, la generosità, la dedizione. Viene raffigurato con l’abito nero tipico degli Eremitani di Sant’Agostino, con una stella o un sole sul petto; in mano tiene un giglio o una ghirlanda di gigli, talvolta un cesto di pane.