San Vincenzo De’ Paoli - Antiquares
12512
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-12512,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

San Vincenzo De’ Paoli

Antiquares si offre di valutare dipinti raffiguranti
San Vincenzo De’ Paoli

Potete richiedere il nostro parere, per una stima del valore di un'opera, con questo soggetto, che avete in collezione, o che avete ricevuto in eredità. Siamo disponibili ad acquistare quadri raffiguranti San Vincenzo De’ Paoli dopo una prima visione in foto ed un successivo approfondimento dal vivo. Potete utilizzare i moduli di contatto o i form di valutazione, per una prima stima gratuita e non vincolante. Riceverete una prima indicazione sul valore reale del vostro quadro.

Category
Iconografia, V
About

Nato da un’umile famiglia contadina a Pouy, un borgo contadino presso Dax, il 24 Aprile 1581. Suo padre, Jean de Paul, era un piccolo agricoltore, sua madre, Bertrande de Moras, invece, apparteneva a una famiglia di piccola nobiltà locale. Dopo aver aiutato nei primi anni la sua famiglia nella pastorizia, viene iscritto dal padre all’Ecole des Cordeliers, gestita dai Francescani. Seguì con successo qui i corsi di grammatica e latino, maturando l’intenzione di dedicarsi ad una vita religiosa. Si recò a Tolosa, per studiare teologia.  Divenne Sacerdote nell’anno 1600, prima come secolare, e successivamente nella Compagnia del Santissimo Sacramento. Nel 1605, mentre era in viaggio da Marsiglia a Narbonne, venne rapito dai pirati turchi e liberato solo due anni dopo. Divenne curato a Clichy, dove si dedicò soprattutto all’insegnamento del catechismo ed all’aiuto a poveri ed infermi. L’incontro con Francesco di Sales fu di fondamentale importanza per la sua maturazione spirituale. Nel 1613 entrò come precettore presso il Marchese di Gondi, che era governatore generale delle galere. Si moltiplicarono le iniziative a favore di diseredati e bambini abbandonati. Dietro iniziativa della marchesa, che intendeva migliorare le condizioni dei contadini che lavoravano nei possedimenti, venne formato, nel 1625, un gruppo di chierici specializzati nell’apostolato rurale; era il primo nucleo della Congregazione della Missione, i cui membri presero il nome di lazzaristi. Due anni prima nel 1623 fondò la Compagnia delle Dame di Carità, che prese il nome in seguito di “Figlie della Carità di San Vincenzo de’Paoli”. Il 29 novembre 1633, fondò la Città dei Poveri, da dove ebbe origine la congregazione delle “Figlie della Carità”, sotto la responsabilità di Luisa di Marillac e Marguerite Naseau. Le Figlie, note anche come “Suore di San Vincenzo de ‘Paoli,” si dedicarono al servizio dei malati ed al servizio materiale e spirituale dei poveri. Morì il 27 Settembre 1660. E’ considerato il più grande riformatore della Chiesa Cattolica. I suoi attributi sono la tonaca nera con il colletto bianco. E spesso raffigurato con un bambino in braccio o accanto.