Sant’ Agata - Antiquares
328
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-328,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

Sant’ Agata

Antiquares si offre di valutare dipinti raffiguranti
Sant’ Agata

Potete richiedere il nostro parere, per una stima del valore di un'opera, con questo soggetto, che avete in collezione, o che avete ricevuto in eredità. Siamo disponibili ad acquistare quadri raffiguranti Sant’ Agata dopo una prima visione in foto ed un successivo approfondimento dal vivo. Potete utilizzare i moduli di contatto o i form di valutazione, per una prima stima gratuita e non vincolante. Riceverete una prima indicazione sul valore reale del vostro quadro.

Category
A, Iconografia
About

I segni distintivi sono i due seni poggiati su di un piatto e le tenaglie, simbolo del suo martirio. Santa Patrona di Catania, visse nei primi decenni del terzo secolo. Proveniente da una famiglia agiata, decise a 15 anni di consacrarsi a Dio. Il proconsole Quinziano se ne invaghì, ma al suo rifiuto, la fece arrestare e portare nel Palazzo Pretorio. Subì quindi un processo, e con esso cominciarono le prime torture, culminate con la recisione dei seni tramite tenaglie. La santa viene per questo raffigurata con un piatto che reca due seni e con le tenaglie in mano. Tornata in cella sanguinante, apparve ad Agata San Pietro, che le risanò le ferite. Dopo qualche giorno il console, vedute le ferite risanate, la costrinse su un letto di carboni ardenti. Nonostante il suo corpo cominciasse a bruciare, il suo velo rimase intatto, diventando uno dei simboli utilizzati per scongiurare le eruzioni delll’Etna. Durante questo supplizio, avvenne infatti una forte eruzione del vulcano. E’ la Santa Protettrice di Catania.