Sant’ Ugo di Grenoble - Antiquares
12532
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-12532,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

Sant’ Ugo di Grenoble

Antiquares si offre di valutare dipinti raffiguranti
Sant’ Ugo di Grenoble

Potete richiedere il nostro parere, per una stima del valore di un'opera, con questo soggetto, che avete in collezione, o che avete ricevuto in eredità. Siamo disponibili ad acquistare quadri raffiguranti Sant’ Ugo di Grenoble dopo una prima visione in foto ed un successivo approfondimento dal vivo. Potete utilizzare i moduli di contatto o i form di valutazione, per una prima stima gratuita e non vincolante. Riceverete una prima indicazione sul valore reale del vostro quadro.

Category
Iconografia, U
About

Nacque nel 1053, a Chateauneuf sur Isère. Era canonico della Cattedrale di Valence. Venne eletto Vescovo di Grenoble nel 1080. Fu il fondatore dell’Ordine monastico di Chalais. Intraprese una lunga battaglia contro Ghigo III, conte di Albon, per riuscire a recuperare i beni, che sarebbero stati sottratti dagli Albon alla diocesi. Per rafforzare quel che egli credeva un diritto della diocesi, Ugo fece scrivere la storia del vescovo Isarn, che strappò ai Saraceni con le armi la diocesi di Grenoble nella battaglia di Chevalon. Si trattò del preambolo ad una serie di documenti conosciuti come Cartolari di Sant’Ugo. Un accordo venne raggiunto nel 1099, quando Ghigo accettò di cedere alla diocesi i territori contesi, in cambio del riconoscimento dell’autorità temporale degli Albon nei dintorni di Grenoble. Nell’anno 1084 venne donato a San Bruno il terreno dove venne edificata la prima Abbazia dell’Ordine Certosino. Il suo emblema è il bastone pastorale.