Santa Caterina d’ Alessandria - Antiquares
12206
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-12206,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

Santa Caterina d’ Alessandria

Antiquares si offre di valutare dipinti raffiguranti
Santa Caterina d’ Alessandria

Potete richiedere il nostro parere, per una stima del valore di un'opera, con questo soggetto, che avete in collezione, o che avete ricevuto in eredità. Siamo disponibili ad acquistare quadri raffiguranti Santa Caterina d’ Alessandria dopo una prima visione in foto ed un successivo approfondimento dal vivo. Potete utilizzare i moduli di contatto o i form di valutazione, per una prima stima gratuita e non vincolante. Riceverete una prima indicazione sul valore reale del vostro quadro.

Category
C, Iconografia
About

Della sua vita si sa molto poco. Si narra che sia di discendenza nobile e che sia nata intorno all’anno 287 ad Alessandria d’Egitto. Qui nell’anno 305, l’Imperatore Massimino Daia, fece tenere in suo onore dei grandi festeggiamenti. Molti cristiani, per paura delle persecuzioni, adoravano gli dei. Ai festeggiamenti con sacrificio di animali alle divinità pagane, un atto dovuto da tutti i sudditi, Caterina non solo si rifiuta, ma chiede all’Imperatore di riconoscere Gesù Cristo come Redentore dell’umanità. L’imperatore, colpito dalla cultura e dalla bellezza di Caterina, decise di convocare un gruppo di retori con il compito di farle cambiare idea. Caterina riuscì non solo a tenere fede alle sue idee, ma convertì i retori stessi. L’imperatore decise così di far uccidere i retori e all’ennesimo rifiuto di Caterina, persino ad una richiesta di matrimonio, la condannò a morte tramite una ruota dentata. La ruota però si spezzò, così, ordinò la sua morte per  decapitazione. Del latte sgorgò quale  simbolo della sua purezza. Viene solitamente rappresentata con la corona in testa e con abiti regali, la palma è il simbolo del suo martirio e il libro è il simbolo della sua cultura. Altri simboli sono la spada con cui morì e la ruota dentata.