Santa Chiara - Antiquares
12242
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-12242,theme-antiquares,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-32676

Santa Chiara

Antiquares si offre di valutare dipinti raffiguranti
Santa Chiara

Potete richiedere il nostro parere, per una stima del valore di un'opera, con questo soggetto, che avete in collezione, o che avete ricevuto in eredità. Siamo disponibili ad acquistare quadri raffiguranti Santa Chiara dopo una prima visione in foto ed un successivo approfondimento dal vivo. Potete utilizzare i moduli di contatto o i form di valutazione, per una prima stima gratuita e non vincolante. Riceverete una prima indicazione sul valore reale del vostro quadro.

Category
C, Iconografia
About

E’ la prima discepola di San Francesco e fondatrice dell’Ordine delle Clarisse. Figlia di un’agiata famiglia assisana, aveva solo 12 anni Chiara quando Francesco di Assisi si spogliò di tutti i suoi beni per ridarli al padre. Affascinata dall’esempio di Francesco,  Chiara con un carattere indipendente decide di seguirlo e si rifugia presso la chiesetta di Santa Maria degli Angeli, già da allora detta “La Porziuncola”. Qui Francesco ed il gruppo dei suoi frati le tagliano i capelli e le fanno indossare un saio da penitente. Si rifugia poi in due monasteri benedettini, qui avrebbe potuto vivere da Monaca in clausura e magari un giorno diventare Abbadessa, ma lei entrò da conversa e poco valsero i tentativi del padre di persuaderla a ritornare a casa. In Chiara e Francesco maturò ben presto l’idea di un gruppo di penitenti povere ed è nella piccola chiesa di San Damiano restaurata da Francesco che Chiara fu raggiunta da sua sorella Agnese prima, da Beatrice poi. Saranno presto una cinquantina le donne e ragazze alle quali insegnerà  il precetto della povertà che lei portò avanti e divulgò. La leggenda narra che per difendersi da un attacco dei Saraceni espose l’ostensorio ad una finestra, una luce intensa fece scappare i saraceni. È la santa protettrice delle telecomunicazioni, il suo culto viene celebrato l’11 agosto.  Viene rappresentata in abiti monacali con toni dal grigio al marrone, reca solitamente in mano un giglio, la croce o la pisside.